SELETTI

Souvenir Di Milano @ Piazza Affari

Piazza Affari torna ad essere protagonista nei giorni del Salone del Mobile 2015, 14/19 Aprile, […]

ViewMore

Sedia Superleggera, Giò Ponti, 1955 Prodotta da Cassina Sedia Tulip, Eero Saarinen, 1953-1958 Prodotta da […]

ViewMore

Papertrophy:

Because design is creativity!

Holger Hoffmann è il designer tedesco che ha creato i fantastici Papertrophy. Ispirati ai classici […]

ViewMore

VitoNesta:

collezione Barberia

“Da Felice” era il barbiere di famiglia. Andare da lui significa liberarsi di un sacco […]

ViewMore

OSCAR2015:

red carpet da star!

Il 22 Febbraio si è svolta l’87esima edizione della consegna degli Academy Awards, l’evento cinematografico […]

ViewMore

DrinkDesign:

Ubriacati di creatività!

Design, food e social: tre ambiti così diversi uniti però dal desiderio di esprimere la […]

ViewMore

Trasparenza:

Design & Beauty

La collezione trucco Primavera/Estate Kartell + Collistar rappresenta la ben riuscita fusione di due aziende […]

ViewMore

FERRERO:

Il genio più dolce del mondo!

Cioccolato. Attenzione, cioccolato. Questo articolo ha come argomento il cibo più paradisiaco e allo stesso […]

ViewMore

SaraBattaglia:

For bag lovers only!

Il giorno più atteso/più temuto dell’anno è arrivato! San Valentino è infatti una di quelle […]

ViewMore

TheNumber6:

Un palazzo da sogno!

Palazzo Valperga Galleani è diventato il progetto THE NUMBER SIX, realizzato dal Gruppo Building di […]

ViewMore

MSGM:

Vassillissa Capsule Collection

C’era una volta un baldo arciere che, mentre cavalcava sul suo destriero, vide una magnifica […]

ViewMore

Grammy2015:

che shock!

Lo fanno tutti e quindi perché noi non dovremmo farlo? Ebbene sì, sto parlando di […]

ViewMore

HATLAMP:

un’idea in testa

Jeeves e Wooster sono delle lampade partorite dalla brillante mente di Jake Phipps, designer che […]

ViewMore

SUPERBOWL:

il 2015 parte col botto!

Venghino signori venghino! Il circo è aperto! Ops scusate mi sono sbagliata, non era il […]

ViewMore

FPM:

ready to go!

No non si tratta di un tecnologico veicolo aerospaziale in grado di farvi tornare indietro […]

ViewMore

...More Posts...

Miss America 2013

...e la pace nel mondo

 

Noi qui ci dilettiamo con la settimana della moda maschile, ma dall’altra parte del globo è stata eletta Miss America 2013. Ormai sapete delle mie fissazioni per i concorsi di bellezza, la pace nel mondo, bla bla bla. Ho deciso di dedicare un post a questo concorso e quindi di parlarvi delle regole su COME DIVENTARE MISS AMERICA.

Dato che a Miss America non si cerca una modella ma un modello di professionalità, praticamente dovrai affrontare delle prove tipo “giochi senza frontiere” o “banzai”.

Le aspiranti al titolo e ai vari titoli statali e locali sono selezionate da cinque distinte giurie per altrettante gare. Le competizioni sono: L’Intervista Privata; Talento; Stile di vita & Forma fisica in costume da bagno; Abito da sera e La domanda sul palco.

Cominciamo dalla prima:

1- L’intervista privata: incidenza sul punteggio totale 25%. Dovrai discutere di argomenti frivoli, politica e questioni sociali.

Consiglio: leggi tutto, da Topolino alla Bibbia.

2- Talento: incidenza su punteggio totale 35%. Sei un ciocco di legno e la tua voce distruggerebbe i timpati di chi ti passa a fianco? Potreti improvvisarti nel lancio degli aeroplanini o dei coriandoli.

Consiglio: se sei nel panico, improvvisa una barzelletta.

3- Forma fisica: incidenza sul punteggio 15%. Se-non-sei-perfetta-non-puoi-partecipare.

Consiglio: corri in palestra!

4- Abito da sera: vale 20 punti su 100.Portamento e stile sul palco.

Consiglio: prega che il tuo tacco non incroci la gonna dell’abito e che il drappeggio sia proprio davanti al tuo punto critico.

5- La domanda sul palco: incidenza sul punteggio 5%. Prontezza di risposta su qualsiasi argomento.

Consiglio: fatti un’idea su tutto, dal perchè hanno inventato Miss America a come si fanno le bolle di sapone.

Non dimenticare di ripetere sempre che la cosa più importante è LA-PACE-NEL-MONDO.

Ecco adesso sei pronta per diventare Miss America…a casa tua però, visto che non hai la cittadinza americana!

M.