SELETTI

Souvenir Di Milano @ Piazza Affari

Piazza Affari torna ad essere protagonista nei giorni del Salone del Mobile 2015, 14/19 Aprile, […]

ViewMore

Sedia Superleggera, Giò Ponti, 1955 Prodotta da Cassina Sedia Tulip, Eero Saarinen, 1953-1958 Prodotta da […]

ViewMore

Papertrophy:

Because design is creativity!

Holger Hoffmann è il designer tedesco che ha creato i fantastici Papertrophy. Ispirati ai classici […]

ViewMore

VitoNesta:

collezione Barberia

“Da Felice” era il barbiere di famiglia. Andare da lui significa liberarsi di un sacco […]

ViewMore

OSCAR2015:

red carpet da star!

Il 22 Febbraio si è svolta l’87esima edizione della consegna degli Academy Awards, l’evento cinematografico […]

ViewMore

DrinkDesign:

Ubriacati di creatività!

Design, food e social: tre ambiti così diversi uniti però dal desiderio di esprimere la […]

ViewMore

Trasparenza:

Design & Beauty

La collezione trucco Primavera/Estate Kartell + Collistar rappresenta la ben riuscita fusione di due aziende […]

ViewMore

FERRERO:

Il genio più dolce del mondo!

Cioccolato. Attenzione, cioccolato. Questo articolo ha come argomento il cibo più paradisiaco e allo stesso […]

ViewMore

SaraBattaglia:

For bag lovers only!

Il giorno più atteso/più temuto dell’anno è arrivato! San Valentino è infatti una di quelle […]

ViewMore

TheNumber6:

Un palazzo da sogno!

Palazzo Valperga Galleani è diventato il progetto THE NUMBER SIX, realizzato dal Gruppo Building di […]

ViewMore

MSGM:

Vassillissa Capsule Collection

C’era una volta un baldo arciere che, mentre cavalcava sul suo destriero, vide una magnifica […]

ViewMore

Grammy2015:

che shock!

Lo fanno tutti e quindi perché noi non dovremmo farlo? Ebbene sì, sto parlando di […]

ViewMore

HATLAMP:

un’idea in testa

Jeeves e Wooster sono delle lampade partorite dalla brillante mente di Jake Phipps, designer che […]

ViewMore

SUPERBOWL:

il 2015 parte col botto!

Venghino signori venghino! Il circo è aperto! Ops scusate mi sono sbagliata, non era il […]

ViewMore

FPM:

ready to go!

No non si tratta di un tecnologico veicolo aerospaziale in grado di farvi tornare indietro […]

ViewMore

...More Posts...

Regalami un sorriso. Ci fai meglio figura.

Uno dei modi per capire se abbiamo gusti simili a quelli della nostra dolce metà è analizzare impietosamente i regali che ci fa.

Non c’è niente di venale nel farlo. Non è per i regali che viviamo, certo. Altrimenti ci fidanzeremmo con Babbo Natale, faremmo le brave tutto l’anno e ci prenderemmo quello che ci spetta, puntualissime, a DicembreInflatable Water Slides.

“ma Babbo Natale non esiste…” direte voi.

Beh, se è per questo, neanche l’uomo che azzecca i regali!

Proviamo a stilare qualche tipologia?

  1. Il Previdente. Si reca annualmente in un fornito outlet italiano e fa incetta di portafogli griffati, portachiavi col cuoricino e trousse  in sconto del 70-80%. Prima o poi li sbolognerà a qualcuna, no? Perché accessori ? perché NON HANNO LA TAGLIA, VANNO BENE A TUTTE. Lo bocciamo perché oltre ad essere impersonale è un paragnosta e quando ce lo regalerà l’accessorio sarà probabilmente già fuori collezione.
  2. Il Pantofolaio (detto anche Uomo Ciccio). Crede di avere a che fare con Nonna papera. E si scatena con gli accessori da cucina pensando di assicurarsi la cuoca personale per i prossimi mesi. La mia risposta è: il frullatore regalalo a tua madre.
  3. Il Corridore. Al secondo regalo siamo già al perizoma leopardato di Victoria’s Secret. Niente mezzi termini. Il messaggio è chiaro “se sto con te non è per giocare a Monopoli”. Potrebbe anche essere gradito. Se non fosse che è di due taglie più piccolo (quella della commessa che l’ha intortato a dovere, non la nostra). Conclusione: grazie tesoro, ma ai ferri del mestiere preferisco pensarci da sola!
  4. L’elastico. Il regalo lo compra a te, ma per farselo tornare indietro. Ti compra la console ultimo modello della Nintendo per venire giocarci a casa tua. L’I-Pad per sfogliarselo sul divano. La scusa basica del suo comportamento è : “dammi qua, che tu non capisci come funziona”. Guarda, forse sul gioco dei conigli della WII avrai ragione, ma un bastardo so benissimo come funziona., quindi ridammi SUBITO il mio regalo.

Infine, se neanche l’analisi dei regali sbagliati che vi fa serve a convincervi che lui non è il tipo per voi…fatevi regalare un corso di sorrisi di circostanza, tenuto da un bravo attore…Davanti al prossimo obbrobrio dovrete sfoggiare quello migliore che avete e accompagnarlo dalle solite, ineluttabili parole: “Amore, grazie! Proprio quello che desideravo!” Certo. Proprio quello che desideravo, lanciarti dalle scale. MOSTRO!

Penelopebix

Give me a smile. You make a better impression.

A way to discover if your sweetheart and you have similiar likes is to analyse his presents pitiless.

There’s nothing venal if you do it. We don’t live for presents, obviously. Otherwise we’ll get engaged to Santa Claus, we’ll be good all the year and we’ll get our gifts, punctually, in December.

“But Santa Klaus doesn’t exist…”. But, to be honest, also a man who guesses presents doesn’t exist!

Let’s try to identify some typologies:

He goes yearly to a well-provided italian outlet and buys designer wallets, heart keychains and make-up bags up with a 70-80% discount. Some other time, he’ll palm them off to someone! Why accessories? Because one size fits all! We turn him away because apart from being impersonal, he’s also a paragnost and when he’ll give us his present, the accessory will be probably out-of-fashion.

He believes to have to do with Grandma Duck. He gets excited with cooking accessories in order to make you his private cook for the next months. My answer is: give the mixer to your mother!

His second present is a leopard-skin G-string by Victoria’s Secret: in no uncertain terms. The message is clear: “I haven’t a girl to play Monopoly with”. It could be also appreciated. But for it comes in two sizes too small (the size of the shop assistant who twisted him around her little finger, not OUR size). Conclusion: thanks darling, but I prefer to choose “the tools of the trade” by myself!

He buys the gift for you, but to get it back. He gives you the new Nintendo Console to play at your place. He looks through the I-Pad on your sofa. The basic excuse for his behaviour is: “give me, you don’t understand how it works”. Well, maybe you’re right about the Wii rabbit game, but I know perfectly how a bastard behaves! So give me IMMEDIATELY back my present.

Finally, if also the analysis of his wrong presents doesn’t persuade you to acknowledge he’s not your type…try the last solution: a course of “forced smiles”, delivered by a good actor…When he gives you the umpteenth gasthly present, you’ll wear your best smile and you’ll say the same, inevitable words: “Thanks honey! Just what I wanted!”. Sure. Just what I wanted: to throw you down the stairs. MONSTER!

Penelopebix

(Translation by Giulia Trentin)

  • http://vivalayaya.wordpress.com La Yayaski

    paragonare l’Uomo a Babbo Natale? no no. non ci siamo.
    Babbo Natale pretende che io faccia la brava tutto l’anno, e i regali me li porta soltanto a dicembre, dopo che ha stilato un dettagliato resoconto della mia condotta, e coi chiari di luna che ci sono magari si limita a una Barbie.
    l’Uomo, i regali, è obbligato a farmeli tutto l’anno. a Natale, a Pasqua, a San Valentino, alla festa della Donna, al mio compleanno, al mio onomastico, al nostro anniversario, alla mia laurea e alla trecentesima volta che mi faccio la ceretta al baffetto. e, dal momento che sopporto la sua presenza, ho il sacrosanto DIRITTO di comportarmi come voglio.

    Uomo – Babbo Natale : 1 – 0.