SELETTI

Souvenir Di Milano @ Piazza Affari

Piazza Affari torna ad essere protagonista nei giorni del Salone del Mobile 2015, 14/19 Aprile, […]

ViewMore

Sedia Superleggera, Giò Ponti, 1955 Prodotta da Cassina Sedia Tulip, Eero Saarinen, 1953-1958 Prodotta da […]

ViewMore

Papertrophy:

Because design is creativity!

Holger Hoffmann è il designer tedesco che ha creato i fantastici Papertrophy. Ispirati ai classici […]

ViewMore

VitoNesta:

collezione Barberia

“Da Felice” era il barbiere di famiglia. Andare da lui significa liberarsi di un sacco […]

ViewMore

OSCAR2015:

red carpet da star!

Il 22 Febbraio si è svolta l’87esima edizione della consegna degli Academy Awards, l’evento cinematografico […]

ViewMore

DrinkDesign:

Ubriacati di creatività!

Design, food e social: tre ambiti così diversi uniti però dal desiderio di esprimere la […]

ViewMore

Trasparenza:

Design & Beauty

La collezione trucco Primavera/Estate Kartell + Collistar rappresenta la ben riuscita fusione di due aziende […]

ViewMore

FERRERO:

Il genio più dolce del mondo!

Cioccolato. Attenzione, cioccolato. Questo articolo ha come argomento il cibo più paradisiaco e allo stesso […]

ViewMore

SaraBattaglia:

For bag lovers only!

Il giorno più atteso/più temuto dell’anno è arrivato! San Valentino è infatti una di quelle […]

ViewMore

TheNumber6:

Un palazzo da sogno!

Palazzo Valperga Galleani è diventato il progetto THE NUMBER SIX, realizzato dal Gruppo Building di […]

ViewMore

MSGM:

Vassillissa Capsule Collection

C’era una volta un baldo arciere che, mentre cavalcava sul suo destriero, vide una magnifica […]

ViewMore

Grammy2015:

che shock!

Lo fanno tutti e quindi perché noi non dovremmo farlo? Ebbene sì, sto parlando di […]

ViewMore

HATLAMP:

un’idea in testa

Jeeves e Wooster sono delle lampade partorite dalla brillante mente di Jake Phipps, designer che […]

ViewMore

SUPERBOWL:

il 2015 parte col botto!

Venghino signori venghino! Il circo è aperto! Ops scusate mi sono sbagliata, non era il […]

ViewMore

FPM:

ready to go!

No non si tratta di un tecnologico veicolo aerospaziale in grado di farvi tornare indietro […]

ViewMore

...More Posts...

LA STRANA COPPIA DELLA COUTURE

Lady Gaga e Giorgio Armani insieme per ridefinire il concetto di moda contemporanea.

Grazie all’ausilio dello stylist Nicola Formichetti, Lady GaGa ha in breve tempo dato vita ad uno stile abbigliativo tutto suo, costruito sull’eccesso couture e sulla teatralità deicostumi di scena.

E’ così nato un nuovo star-style, che ci ha fatto dimenticare i jeans a vita bassa e i top pronto-moda delle lolite pop di 10anni fa, vestite sul red carpet come se stessero andando all’oratorio.

Indossando le creazioni couture della nuova generazione di talenti della moda, Lady Gaga ha dimostrato ad un pubblico immenso che esiste una dimensione contemporanea della sartoria.

Senza l’intervento del team GaGa-Formichetti la Haute Couture nell’immaginario popolare sarebbe forse ferma alle creazioni di Valentino di 50anni fa. Ma da quando esiste il fenomeno GaGa hanno una nuova vetrina i più grandi talenti del contemporaneo, siano essi artisti che realizzano per la cantante pianoforti e scenografie o stilisti che le forniscono costumi di scena.

L’espressione musicale ed abbigliativa di Lady Gaga è un modo di trasmettere la dimensione del contemporaneo a 360 gradi. Lady Gaga è l’unica che, portando all’attenzione dei media opere d’arte contemporanea e abiti d’avanguardia, ha il coraggio e la capacità di esprimere il mondo di oggi.

In quest’ottica ha assolutamente senso il fatto che Giorgio Armani in persona si sia occupato di creare pezzi unici di Haute Couture per il tour di Lady Gaga, che toccherà nei prossimi mesi anche l’Italia.

Un marchio storico come quello del Re della Moda per restare sulla cresta dell’onda non può che aprirsi alla dimensione del contemporaneo rappresentato dalla cantante newyorkese, soprattutto nel segmento più sperimentale/couture della sua offerta.

E allora via libera agli abiti scultura che coniugano leggerezza e volume grazie a virtuosismi tecnici e ai costumi di scena dalle proporzioni alquanto bizzarre.

Perchè, dopo anni di noia, non possiamo rifiutare un applauso alla sferzata di energia di Lady Gaga all’affascinante “nonno” della moda italiana, che non ha perso la voglia dimettersi in gioco.

Intervista GAGADAZED AND CONFUSED FOR GAGA

di Magic



  • http://www.badtv.it Michele
  • Giacomo

    Assolutamente d’accordo. Consiglierei la lettura di quest’articolo a tutte le oppositrici del fenomeno multimediale e avantguardistico Gaga, i quali spacciandosi per esperti di costume e musica non fanno che arrampicarsi sugli specchi nel tentativo di denigrare l’enorme contributo all’arte ed all’innovazione della couture declinata nella moda contemporanea.
    Direi che lo slancio artistico e il nuovo vigore che Gaga e l’intero Gaga-system, attorno a cui orbitano talenti d’eccellenza nel campo della moda, dello stile, del design, della musica, del teatro e della scenografia portano nel mondo siano di notevole impatto sulla società e sul modus operandi dell’intera filiera artistico-creativa che caratterizza a 360gradi l’evoluzione socio-culturale musicale dei giorni nostri.

  • Pandora

    grazie! ;)

  • Magic

    Grazie Michele, grazie Giacomo!

    Sono molto contento che abbiate apprezzato l’articolo e che anche voi crediate nella necessità di contaminazione tra le arti per innovare il panorama culturale contemporaneo.

    Immagino che conosciate la collaborazione tra Lady Gaga ed i grandi artisti e architetti del nostro tempo per la performance al Museum of Contemporary Art di Los Angeles. In quell’occasione la musica di Lady Gaga era parte di una straordinaria messa in scena che poteva contare sulla performance artistica di Francesco Vezzoli, sulle coreografie della storica compagnia di danza dei Ballet Russes, sui costumi di scena di Miuccia Prada, sul copricapo progettato dall’architetto Frank Gehry e sul pianoforte-scultura dell’artista Damien Hirst. Una concentrazione di talenti che non si vedeva dai tempi della collaborazione di Chanel con i grandi artisti di Parigi negli anni Venti.

    Non vedo l’ora che la ventata di freschezza di Lady Gaga arrivi a Milano con il suo concerto di dicembre!

  • Magic

    ci sarò anch’io.. il 4 dicembre :)
    il team di 5fittingrooms al completo al concerto!?
    sarebbe favoloso

  • Giacomo

    sì, il 4 dicembre sarà seduto su una poltroncina del primo anello del forum di Assago a lasciarmi estasiare dalle sue performance! see you there! :)

  • Pandora

    Io al concerto ci saro’!!! Ci vediamo li’? ;)

  • Pandora

    Assolutamente si! sentiamoci prima così ci vediamo all’uscita, che dici?

    Buona giornata!