SELETTI

Souvenir Di Milano @ Piazza Affari

Piazza Affari torna ad essere protagonista nei giorni del Salone del Mobile 2015, 14/19 Aprile, […]

ViewMore

Sedia Superleggera, Giò Ponti, 1955 Prodotta da Cassina Sedia Tulip, Eero Saarinen, 1953-1958 Prodotta da […]

ViewMore

Papertrophy:

Because design is creativity!

Holger Hoffmann è il designer tedesco che ha creato i fantastici Papertrophy. Ispirati ai classici […]

ViewMore

VitoNesta:

collezione Barberia

“Da Felice” era il barbiere di famiglia. Andare da lui significa liberarsi di un sacco […]

ViewMore

OSCAR2015:

red carpet da star!

Il 22 Febbraio si è svolta l’87esima edizione della consegna degli Academy Awards, l’evento cinematografico […]

ViewMore

DrinkDesign:

Ubriacati di creatività!

Design, food e social: tre ambiti così diversi uniti però dal desiderio di esprimere la […]

ViewMore

Trasparenza:

Design & Beauty

La collezione trucco Primavera/Estate Kartell + Collistar rappresenta la ben riuscita fusione di due aziende […]

ViewMore

FERRERO:

Il genio più dolce del mondo!

Cioccolato. Attenzione, cioccolato. Questo articolo ha come argomento il cibo più paradisiaco e allo stesso […]

ViewMore

SaraBattaglia:

For bag lovers only!

Il giorno più atteso/più temuto dell’anno è arrivato! San Valentino è infatti una di quelle […]

ViewMore

TheNumber6:

Un palazzo da sogno!

Palazzo Valperga Galleani è diventato il progetto THE NUMBER SIX, realizzato dal Gruppo Building di […]

ViewMore

MSGM:

Vassillissa Capsule Collection

C’era una volta un baldo arciere che, mentre cavalcava sul suo destriero, vide una magnifica […]

ViewMore

Grammy2015:

che shock!

Lo fanno tutti e quindi perché noi non dovremmo farlo? Ebbene sì, sto parlando di […]

ViewMore

HATLAMP:

un’idea in testa

Jeeves e Wooster sono delle lampade partorite dalla brillante mente di Jake Phipps, designer che […]

ViewMore

SUPERBOWL:

il 2015 parte col botto!

Venghino signori venghino! Il circo è aperto! Ops scusate mi sono sbagliata, non era il […]

ViewMore

FPM:

ready to go!

No non si tratta di un tecnologico veicolo aerospaziale in grado di farvi tornare indietro […]

ViewMore

...More Posts...

IN VIAGGIO PER IL MONDO CON PRADA

Una limited edition che valorizza l’artigianato locale.

Che Prada fosse il più cosmopolita dei marchi milanesi già si sapeva .

Ma mai più di adesso l’aggettivo “cosmopolita” calza perfettamente al brand della signora della moda.

Infatti  Miuccia Prada ha scelto di valorizzare l’artigianato locale e le tradizioni manifatturiere di diversi Paesi del mondo attraverso una limited edition molto particolare.

La nuova iniziativa del marchio si chiama “Made In” e punta a produrre abbigliamento ed accessori in diverse Nazioni, creando edizioni limitate ispirate ai costumi e alle lavorazioni del luogo.

Quindi, non solo Made in Italy, ma anche Made in Scozia, India, Giappone e Perù.

E allora tartan e kilt dalla Scozia, ricami ed intrecci dall’India, jeans con ideogrammi dal Giappone ed alpaca dal Perù.

Preparate le valigie: l’anno prossimo si parte con Miuccia per il viaggio intorno al mondo.

di Magic

[nggallery id=44]

Around The World Trip With Prada

A limited edition collection which enhances local craft.

Doubtless, Prada is the most cosmopolitan of the brands from Milan.

But never more than now the adjective “cosmopolitan” fits perfectly the lady of fashion’s brand.

Indeed Miuccia Prada chooses to enhance local craft and tradition of manufacturing from different Countries of the world through a very original limited edition collection.

The new initiative of brand calls “Made In” and aims at producing clothing and accessories in different Countries, creating limited edition items which are inspired by the mores and manufacturing of the place.

So, not only Made in Italy, but also Made in Scotland, India, Japan and Peru.

Tartan and kilt from Scotland, needleworks and basketworks from India, jeans with japanese  ideograms and alpaca from Peru.

Pack your bags: next year we’ll leave with Miuccia for a trip round the world.

Magic


  • lady evey

    Dopo le fastidiose dichiarazioni della cancelliera Merkel, nelle quali sostiene che il multiculturalismo, in Germania non funziona, ben venga la multicultura nel mondo della moda. E, una idea così innovativa non poteva non venire dalla Miuccia! Brava :-)

  • Magic

    Grazie per il commento!
    Ho scelto di parlare di questa iniziativa proprio perchè il multiculturalismo mi sembra un argomento interessante.
    Si potrebbe aprire un dibattito stimolante sulla differenza tra delocalizzazione e valorizzazione dell’artigianato locale.
    Come senz’altro i lettori di 5fittingrooms sapranno, da qualche anno anche nel mondo della moda si tende a delocalizzare la produzione verso quei Paesi nei quali la manodopera è a basso costo, senza però tener conto dell’impatto sulla società di questa scelta.
    L’idea di Prada di produrre all’estero valorizzando l’artigianato locale, anzichè sfruttando la manodopera a basso costo, mi sembra lodevole e spero che diventi un modello ripetibile anche all’interno di altre aziende e di altri settori produttivi.